Ampliamento del Bagno Pubblico e costruzione di una piscina

Ampliamento del Bagno Pubblico e costruzione della piscina

di Rosalba Kundert, Consigliera comunale

 

 

 

 

Condividamo l'interpellanza della nostra Consigliera comunale Rosalba Kundert.

 

Onorevole Signor Sindaco, onorevoli Signore e Signori Municipali,

Il nostro Piano Regolatore prevede l’ampliamento del Bagno pubblico esistente e la realizzazione di una piscina.

Condizione per la realizzazione di questa infrastruttura comunale è l’acquisizione di una parte di terreno vincolato a Piano Regolatore a questo scopo sul mappale RFD 857 ( di proprietà Amenitas, ex Bodmer).

Ritenuto che in innumerevoli anni la situazione della proprietà privata non si è mai sbloccata con esiti positivi per il Comune, il Partito Liberale Radicale ha presentato il 17 giugno 2014 una mozione concernente l’avvio delle procedura di esproprio formale di una porzione di terreno della particella 857 RFD per l’ampliamento del Lido Comunale.

Il Partito riteneva infatti che l’ampliamento del Lido, con una struttura commisurata alla popolazione locale e ai turisti, per un Comune lacuale come il nostro, sia da ritenersi prioritario e non debba essere ulteriormente procrastinato.

Il Municipio aveva dato preavviso negativo alla mozione, osservando fra l’altro che:

Il vincolo attuale di PR è un importante mezzo a disposizione del Municipio, nel caso di future trattative con la proprietà nell’ambito di interventi edificatori sulla particella 857 RFD, che dopo l’avvenuta espropriazione non sarebbero evidentemente più state a disposizione.

La mozione è poi stata respinta in Consiglio Comunale nella seduta del 16 dicembre 2015 ¨

Da segnalare che l’attuale Lido Comunale è rimasto sempre lo stesso per quanto riguarda la superficie, da quando il Comune aveva forse la metà degli abitanti, ai giorni nostri dove Caslano conta 4350 abitanti e nella stagione estiva con le residenze secondarie e il turismo può arrivare a più di 5000.

Il Lido attuale ( numero massimo 300 persone, dato inserito nelle osservazioni del Municipio del 9 dicembre 2015) è pertanto non più commisurato alle esigenze di un Comune delle nostre dimensioni, e non può soddisfare le esigenze dei nostri cittadini.

Gli abitanti, le famiglie e i turisti di Caslano si recano pertanto in altri Lidi più capienti e per trovare una piscina anche solo per i bambini sono costretti a recarsi fino a Sessa. Le rive lago e la Foce della Magliasina non possono garantire la necessaria sicurezza ai bagnanti e soprattutto ai bambini come invece può fare un Lido attrezzato

A distanza di 4 anni dall’inoltro della mozione del PLR, chiedo pertanto al lodevole Municipio:

1) Il Municipio condivide l’importanza di avere un Bagno pubblico organizzato e sorvegliato con una piscina a disposizione dei cittadini, commisurato alle esigenze della popolazione locale?

2) Dal 16.12.2015, data di non accoglimento della mozione, ci sono stati sviluppi nelle trattative con i proprietari del mappale 857?

Se sì quali ?

 

3) In caso affermativo, se le trattative con i privati dovessero in futuro risultare positive, il Municipio è favorevole a dare priorità all’ampliamento del Bagno pubblico con la costruzione di una piscina a favore dei nostri cittadini, delle famiglie e del turismo , pianificando  l’investimento appena possibile?

L'interpellanza è stata evasa nella seduta del 12 giugno 2018 e il Municipio per bocca dell'On. Pierre Signorini ha risposto che ne condivide l'importanza, ma non lo ritiene un progetto prioritario. L'interpellante si è dichiarata insoddisfatta e ha  evidenziato come un gran numero di persone la ritengano come un'investimento prioritario per la popolazione e il turismo.